Home / Archive by Category "Sicilia"

Archives

Le spiagge di pomice a Lipari

Lipari come tutte le isole dell’arcipelago  è stata un vulcano molto attivo nei secoli remoti,   e anche se oggi l’attività eruttiva è del tutto terminata,  insistono nel suo territorio fenomeni  di blanda attività post-vulcanica  come le fumarole presso il timpone Pataso e le sorgenti di acqua calda delle terme di San Calogero . L’aspetto più spettacolare e duraturo dell’antica furia eruttiva e’ a nostro avviso caratterizzato dalle bianche spiagge di pietra pomice , contrastanti in modo netto con le vicine  colate nere e lucide di ossidiana . Un vero contrasto cromatico magico creato da madre natura, che  consigliamo al visitatore dell’isola  di non trascurare . La pomice è bianca, finissima e leggermente abrasiva e molti bagnanti cospargendosene il corpo, la utilizzano come mezzo per un…

Fiumara d’Arte

DSCF6102[1]

Talvolta le imprese destinate a lasciare una traccia duratura nella vita  civile e nella cultura di un luogo ,  nascono da questioni intime e private .  Gli aspetti familiari e personali  svolgono un ruolo predominante e proprio essi ne imprimono una sensibilità e una qualità destinate a rimanere nel tempo. Così  è stato per Fiumara d’Arte. Nata inizialmente tra il 1983 e il 1986 dalla volontà di Antonio Presti di onorare la memoria del padre con la posa in  un opera di un monumento realizzato da Pietro Consagra  nel greto del torrente Tusa in provincia di Messina ,  è divenuta negli anni  un vero e proprio museo territoriale di arte contemporanea  di straordinaria importanza. Tra polemiche e consacrazioni, ostacoli e incoraggiamenti, Fiumara d’Arte  grazie al…

Il Santuario di Santa Rosalia

santuario S Rosalia

Sul Monte Pellegrino a Palermo, a 430 metri d’altitudine,  immerso in una natura selvaggia e rigogliosa, si erge il Santuario di Santa Rosalia  la  patrona della città, fondato nel  1625. Si  narra che nel  1624,  mentre la città era flagellata dalla peste nera, un cacciatore ritrovò casualmente le sue ossa nella grotta del Monte Pellegrino dove la Santa era spirata. L’ Arcivescovo di allora Doria insieme col Senato e coi notabili della città, salito al monte raccolse le sante reliquie che furono portate in processione la prima volta il 5 giugno 1625. Al passaggio della santa l’epidemia s’attenuò e i palermitani elessero a Santuzza come compatrona della città, insieme a  San Benedetto il Moro . La facciata seicentesca del santuario è addossata alla roccia e,…

Chiesa di Santa Maria della Catena

santa maria della catena

La Chiesa di Santa Maria della Catena di Palermo è dedicata alla Madonna della Catena poiché in epoca medioevale nel luogo si trovava una piccola cappella votiva al cui prospetto era legata l’estremità di una lunga catena , che tesa fino al Castello a mare, aveva lo scopo di proteggere l’ingresso del porto commerciale  della città. La dedica alla Madonna è legata anche ad un miracolo avvenuto nel 1392, quando alcuni prigionieri condannati ingiustamente, implorarono la loro liberazione rivolgendosi all’affresco della Vergine del porto. La progettazione e l’inizio dei lavori di costruzione, si fanno risalire al centenario del miracolo (1492 ca. )  ad opera dell’architetto  Matteo Carnilivari e il completamento dell’opera avvenne  sotto la direzione del fabricator Antonio Belguardo.  Le opere di Carnilivari sono testimonianza…

Ghiotta di scorfano alla liparota

Il pesce, nella fattispecie il pregiatissimo scorfano,  per la cucina eoliana ha sempre rappresentato l’elemento principe . I condimenti completano il piatto arricchendolo  di prelibatezza. Ingredienti 2 scorfani da 500 gr. 3 cipolline 3 pomodori maturi 8 olive verdi 1 cucchiaio di capperi 1 ciuffo di prezzemolo Basilico Mezzo bicchiere di vino bianco 3 cucchiai di olio d’oliva Pane tostato Pepe – sale   Procedimento Pulire gli scorfani interamente, togliere le pinne pungenti, squamare e lavare bene in acqua dolce; Pulire le cipolline e affettarle finemente; Lavare i pomodori , privarli di buccia e semi e tagliarli a dadini ; Snocciolare le olive e lavare e tritare il basilico e il prezzemolo ; Scaldare in casseruola l’olio d’oliva, rosolare le cipolle e unire pomodori e…

Sòlanto

Sòlanto è una frazione marinara di  Santa Flavia (  comune a 15 km. da Palermo )  posta sull’omonimo promontorio. Recenti studi e rinvenimenti  archeologici hanno dimostrato che  la  originaria  città  punica di  Solunto  sorta nell’ottavo secolo a.c.   si trovava in corrispondenza dell’attuale  promontorio di Sòlanto.  Il toponimo deriverebbe dal  greco sólos («roccia ferrosa»). A seguito dell’invasione di  Dioniso I di Siracusa  il centro abitato venne distrutto e successivamente, intorno al 383 a.C.  venne ricostruito  sul  Monte Catalfano  ( promontorio che sovrasta l’attuale località di Porticello) ,  costituendo  la seconda città di Solunto, di matrice ellenistica. Dell’abitato punico rimangono oggi scarse tracce  come una necropoli  con sepolture a camera  ( semi distrutta) un quartiere   industriale con fornaci , (un probabile  tofet con resti di ossa combuste)…

1 2 3 11